SEI IN > VIVERE TRAPANI > ATTUALITA'
comunicato stampa

Al Museo Pepoli di Trapani due nuove tele di Guttuso

2' di lettura
10

Il patrimonio del Museo regionale Pepoli di Trapani si arricchisce di nuove opere contemporanee.

Due tele autografe di Renato Guttuso, recentemente acquisite, saranno presentate al pubblico venerdì, 3 maggio, alle 17, nella sala conferenze del Museo, alla presenza dell'assessore regionale ai Beni culturali e dell'identità siciliana e del dirigente generale del dipartimento dei Beni culturali. Le due opere sono state generosamente donate da Michelangela Scalabrino, docente in pensione dell'Università Cattolica di Milano che ha voluto rendere omaggio al museo della città di origine della sua famiglia. La professoressa, da bambina, trascorreva a Trapani le vacanze estive assieme al padre, un medico che aveva ricevuto questi quadri in dono proprio dal pittore bagherese. L'evento, dal titolo "Guttuso. La passione del colore. Acquisizioni al Museo", è stato realizzato con il contributo dell'associazione Amici del Museo Pepoli.

Il primo dipinto, "Contadino in sella a un asino" realizzato nel 1954, costituisce uno studio per un olio di grandi dimensioni dal titolo "L'occupazione delle terre incolte", espressione di quel "realismo sociale" che ispira un'ampia fetta della produzione del maestro bagherese. Il tema è particolarmente caro al pittore che lo affronta più volte con esiti e linguaggi espressivi differenti: dalla Marsigliese contadina del 1947, di impronta postcubista, alla celebre versione del 1949-50, caratterizzata da una solenne sacralità del racconto e da forti dissonanze cromatiche.

Nella seconda tela, "Contadina" realizzata nel 1956, Guttuso ritrae una donna con un ampio fagotto sul capo che procede con sacrale solennità entro un paesaggio brullo e roccioso. In entrambe le opere viene rappresentata l'epopea degli umili, intenti con estrema dignità e compostezza alla fatica del duro lavoro quotidiano. L'accensione cromatica e l'intensa luminosità del paesaggio, che fa da sfondo alle figure, incarnano pienamente la solarità di quella terra siciliana tanto cara al maestro. Le due tele, inserite nel catalogo e divenute parte della collezione permanente del museo, saranno collocate negli spazi della pinacoteca, nella piccola sala che ospita il celebre "Ritratto di Nunzio Nasi" di Giacomo Balla, ora destinata ad accogliere opere del tardo Ottocento e del primo Novecento.

L'assetto espositivo dell'ambiente viene rimodulato con la restituzione alla fruizione della splendida "Testa di vecchio" in bronzo del palermitano Domenico Trentacoste, da lunghi anni in giacenza nei depositi, espressione di quel socialismo umanitario che nel tardo Ottocento improntò l'opera di numerosi intellettuali e artisti. Nel medesimo spazio viene collocato il bassorilievo in marmo con "Figura muliebre", che il trapanese Domenico Li Muli scolpì nella seconda metà degli anni '30.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-04-2024 alle 16:07 sul giornale del 02 maggio 2024 - 10 letture






qrcode